Ciao 2020, gli italiani e la mia intervista per la Russia.

Se avete amato “Ciao2020”, lo show andato in onda sul primo canale russo la notte di Capodanno, ecco un’intervista che parla di come è nata la mia collaborazione con Daria Danatelli sul pezzo “Io non dimentico / Не забуду” e tante curiosità e pensieri su questa ondata retro sovietico-italiana.

L’intervista è interamente in russo perché è stata pubblicata per i-m-i.ru ma, come sapete, è possibile tradurla automaticamente con il vostro browser, oppure la trovate tradotta in italiano alla fine di questo articolo.

Link originale intervista: qui

Intanto, se volete ascoltare “Io non dimentico / Не забуду”, eccolo qui.
Disponibile in download e streaming su Spotify, Apple Music, Bandcamp, Amazon e i maggiori stores musicali.

E se invece vi siete persi lo show “Ciao 2020” è ora di rimediare.

Qui trovate l’intervista tradotta in italiano:

Alla vigilia di Capodanno 2021 mi sono seduto a tavola sorseggiando Beluga con mia moglie e sua sorella, entrambe ucraine. Quella sera guardavamo spezzoni di video di Ivan Dorn e Cream Soda mentreo, nello stesso momento, trasmettevano “CIAO, 2020!”. Capite che coincidenza? L’ho scoperto solo il giorno dopo, quando tutti hanno cominciato a linkarmi il video di questo spettacolo. Pochi giorni dopo, la trasmissione è diventata virale e noi in Italia siamo impazziti. 

L’approccio degli autori del CIAO mi ha ispirato molto. Ricordo di essermi chiesto mentre ascoltavo queste canzoni: “Perché non abbiamo spettacoli del genere e brani prodotti così in Italia?” E poi la seconda domanda: “Ma allora perché non la faccio io una cosa del genere?”

La mattina dopo sono entrato in contatto con Daria Danatelli, cantante synthwave di Penza. È sempre disponibile per collaborazioni divertenti e un po’ folli. Nel giro di pochi giorni abbiamo abbozzato la musica ed il testo: è così che è nata la traccia “Io non dimentico” . In “CIAO, 2020!” in 50 minuti non è stata detta neanche una parola in russo, ma abbiamo scritto il testo della nostra canzone sia in russo che in italiano per esprimere il nostro rispetto a entrambi i paesi. Mi piace il modo in cui suona il russo nelle tracce elettroniche: ha un suono molto forte e melodico allo stesso tempo. 

La canzone è stata pubblicata dalla mia etichetta Sunlover Records, che produce musica italo disco. Il nostro obiettivo principale è essere i primi a trovare e catturare gli artisti più interessanti in questa nicchia.
Il designer dell’etichetta è Overglow, conosciuto per aver collaborato con NewRetroWave e progettato molte cover per la scena synthwave. Ha anche realizzato la copertina del nostro brano con Daria. 

La canzone è stata ben accolta sui social network (la traccia è stata ascoltata 4000 volte su Spotify . – Circa. IMI.Magazine), principalmente in Europa e in America. Penso che ciò sia dovuto al titolo bilingue e alla copertina accattivante, che strizza l’occhio sia alla cultura disco russa che a quella italiana.

Vorrei muovermi in questa direzione e andare oltre. Alla gente piacciono gli stereotipi nazionali – questo è ciò su cui gioco spesso come italiano: pizza, pasta, gesticolare durante una conversazione; la rabbia che proviamo quando qualcuno interpreta male le nostre ricette.

Prevediamo di inviare questo e i successivi lavori alle principali stazioni e canali Italo Disco. Sarebbe fantastico fare un video nello stile di “CIAO, 2020!” – con molti cliché. Sfortunatamente, finora sono l’unica persona coraggiosa tra i miei amici e colleghi che scava in questa direzione. È un lavoro duro, ma qualcuno deve avviarlo.

Mi piacerebbe davvero continuare a scrivere canzoni in russo e far rivivere la discoteca Italo, aggiungendovi note fresche e rendendo omaggio alla Russia – uno dei paesi in cui questo genere è stato amato più di altri. Ho già alcune idee e progetti. Ad esempio, ho conosciuto il gruppo Sveta Lukyanov . La loro traccia “At the White Cat” è molto semplice, ma tenace, e non vedo l’ora di lavorare con questi ragazzi. Sarebbe fantastico abbattere la barriera linguistica e diffondere testi russi in tutto il mondo, proprio come abbiamo fatto con le canzoni italiane negli anni ’80. Ha funzionato alla grande a suo tempo, quindi penso che funzionerà ancora.

Enter your comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s